Foresta Umbra (Gargano): cosa vedere e come arrivare

La Foresta Umbra si estende su più di 10 mila km² di terreno, sul promontorio del Gargano. Si dice che il nome derivi dalla presenza di vecchi umbri che vivevano qui, oppure dalla parola “Umbra”, perché la maggior parte del terreno è in ombra per la vegetazione molto spessa.

Cosa vedere

La Foresta Umbra si sviluppa fino a 830 metri di altitudine ed è considerata il polmone verde di tutto Parco del Gargano. La foresta è molto vecchia, nella parte più alta vi sono alberi come il carpino, aceri e querce, mentre nella parte inferiore ci sono faggi che si spingono fino ai 270 metri sul livello del mare, probabilmente per un mix di condizioni climatiche e ambientali.

Nel sottobosco abbiamo diversi tipi di flora erbacea: orchidee, anemoni, viole e ciclamini. Il faggio è l’albero più importante e il simbolo della Foresta Umbra. Vi sono esemplari alti 30 metri con tronco diritto, un sacco di rami e una folta criniera.

L’area ospita una gran varietà faunistica, tra cui il capriolo italicus, una specie protetta dal WWF. È molto timido e mangia solo teneri germogli che può trovare nella profonda foresta. Il suo pelo è corto e la criniera, si tinge di rosso in primavera e in inverno di grigio. Ha macchie bianche e nere intorno gli occhi e il muso. Altri mammiferi che vivono nella Foresta Umbra sono il tasso, il gatto selvatico e la martora.

A proposito di uccelli, la foresta ospita diverse specie di picchi: il picchio rosso maggiore e minore, il picchio rosso a metà e il molto raro picchio con retro-bianco, che frequenta i più antichi e più maturi faggi dove può beccare meglio. Si fa il nido in cavità di alberi di legno e si nutre di insetti che cattura con la sua appiccicosa lunga lingua.
Ci sono anche uccelli predatori come: lo sparviero, il gufo reale e l’allocco. Lo sparviero è presente tutto l’anno nella foresta. Inoltre, sono presenti varie specie di passero, come la “balia col collare”, il bottaccio mughetto, etc.

La foresta è attraversata da 14 itinerari sorvegliati dal Corpo Forestale dello Stato, una specie di rangers del parco. All’ingresso di ogni percorso ci sono schede in cui è possibile leggere il nome del luogo di partenza e quello di arrivo, e il tempo necessario. Lungo i percorsi diversi tronchi sono contrassegnati da strisce gialle indicanti la direzione, in modo da aiutare il visitatore.

Il punto informazioni è vicino al museo naturalistico. Il museo mostra la flora della Foresta Umbra, l’archeologia del paleolitico e del neolitico, e la fauna garganica con le 200 specie di animali che vivono in questo parco. Fuori dal museo è ricostruita una tipica casa del boscaiolo. In zona è presente anche un piccolo laghetto.

Come arrivare

Per raggiungere la Foresta Umbra l’unica soluzione possibile è in auto. Il punto centrale della foresta è il Cutino d’Umbra (il piccolo laghetto presente nel mezzo della foresta). Si può raggiungere la zona da diversi punti del Gargano.

Se si arriva in autostrada, percorrere l’autostrada A14 ed uscire al casello di Poggio Imperiale-Lesina e proseguire in direzione Vico del Gargano. Dal casello autostradale alla foresta sono 78 km.

Distanze

Da Vico del Gargano 14 km

Da Mattinata 21 km

Da Rodi Garganico 25 km

Da Vieste 26 chilometri

Da Peschici 28 km

Da Monte Sant’Angelo 30 km

Da San Giovanni Rotondo 42 km

Da Manfredonia 45 chilometri

Da Foggia 80 km

Da San Severo 90 km

Da Bari 165 km

Avvertenze

Prima di iniziare la visita attraverso la Foresta Umbra, ricordate che questo bosco ha un alto valore ambientale ed è una zona protetta, quindi fate attenzione agli animali, piante e fiori. Non lasciare rifiuti o mozziconi di sigarette e non urlare. La foresta è ricca di suoni naturali.

Vi consigliamo di prendere una guida ufficiale con mappa dei percorsi e varie informazioni sugli orari, è il modo migliore per visitare questo paradiso verde. Gli appassionati di mountain bike potranno noleggiare una bicicletta per rendere la visita più eccitate.

Alcuni animali della Foresta Umbra sul Gargano
Alcuni animali della Foresta Umbra sul Gargano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *